Facciamo culturismo

Facciamo Culturismo

Tutto Arte biblioteche Cinema design Editoria Enogastronomia Innovazione culturale Musica Recupero spazi urbani Sale cinematografiche Teatro/danza
Categorie: Promozione turistica

Turismo nelle zone montane e collinari: per valorizzare la rete escursionistica

Montagne_Olimpiche_Cesana_lago_0002

La Regione Piemonte ha approvato le disposizioni attuative della Sottomisura 7.5 del PSR 2014-2020 dal titolo “Infrastrutture turistico-ricreative ed informazione turistica” e destinato 12.000.000,00 di Euro all’apertura di un primo bando rivolto prioritariamente agli Enti pubblici, per il finanziamento di investimenti  di miglioramento delle infrastrutture turistiche e ricreative connesse alla rete del Patrimonio escursionistico regionale ed il potenziamento della relativa informazione turistica a supporto della fruizione  “sostenibile” estiva ed invernale delle aree rurali  montane e collinari del Piemonte.

Il bando, aperto lo scorso 2 febbraio e chiuso il 29 aprile 2016, ha visto pervenire 80 domanda, per un importo totale richiesto di 18 milioni e 60mila euro e un importo ammissibile di 17 milioni e 430mila euro. Degli 80 progetti, i primi 55 hanno copertura finanziaria, di cui uno solo parziale, e gli ultimi 24 hanno passato la selezione ma restano in attesa di ulteriori risorse per accedere alla fase di progettazione definitiva. Solo uno è stato dichiarato non ammissibile. Le risorse necessarie per completare la graduatoria sono 3 milioni e 690mila euro. Il contributo, in conto capitale per la realizzazione di investimenti previsti in progettualità integrate connesse alla pianificazione d’area, è del 90 percento delle spese ammissibili. Leggi la graduatoria

Hanno partecipato alla selezione enti pubblici singoli o associati ed enti di gestione delle aree protette regionali. Per quanto riguarda le Unioni montane, su un totale di 54 solo 6 non hanno partecipato al bando: 27 in maniera diretta, 21 attraverso altri soggetti capofila, come le Unioni e i Parchi. Ad oggi sono finanziati interventi di 40 unioni su 48, mentre le restanti otto sono in graduatoria.

L’operazione sostiene investimenti di miglioramento delle infrastrutture turistiche e ricreative connesse alla rete del Patrimonio escursionistico regionale: itinerari per escursioni a piedi e in bicicletta, vie ferrate e siti di arrampicata, con le relative strutture ricettive di servizio, come bivacchi, rifugi e ostelli. È previsto anche il potenziamento dell’informazione turistica a supporto della fruizione sostenibile estiva ed invernale delle aree rurali montane e collinari del Piemonte.

L’obiettivo è completare tutti gli interventi in due stagioni e concluderli entro l’estate del 2018.