Facciamo culturismo

Facciamo Culturismo

Tutto Arte biblioteche Cinema design Editoria Enogastronomia Innovazione culturale Musica Recupero spazi urbani Sale cinematografiche Teatro/danza
Categorie: Strutture recettive

TAX CREDIT TURISMO

8447919246_0f4751cbc7_b

Decreto Legge n. 83/2014
Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale, lo sviluppo della cultura e il rilancio del turismo. Convertito con L. 106/2014.
Tax Credit per la digitalizzazione turistica
Applicazione del principio del Tax Credit agli investimenti in ambito digitale da parte degli operatori turistici.

Credito d’imposta del 30% dei costi sostenuti per investimenti tecnologici fino all’importo massimo di 12.500 euro riconosciuto a:
a) esercizi ricettivi singoli o aggregati con servizi extra-ricettivi o ancillari
b) agenzie di viaggi e i tour operator incoming.

Tax Credit per la digitalizzazione turistica

Per quali interventi è riconosciuto il credito di imposta?

a) Siti, portali web e impianti wi-fi
b) programmi informatici per automatizzare il processo di prenotazione e vendita diretta online di servizi e pernottamenti
c) servizi di comunicazione e marketing per generare visibilità e opportunità commerciali su web e social media
d) spazi e pubblicità per la promozione e commercializzazione di servizi, pernottamenti e pacchetti turistici sui siti e piattaforme web specializzate, anche gestite da tour operator e agenzie di viaggio
e) spese per la progettazione, la realizzazione e la promozione digitale di proposte di offerta innovativa in tema di inclusione e di ospitalità per persone con disabilità
f) servizi per la formazione del titolare e dei dipendenti

Tax Credit per riqualificare le strutture ricettive
Applicazione del principio del Tax Credit per il miglioramento della qualità dell’offerta ricettiva per accrescere la competitività delle destinazioni turistiche

Per quali interventi è riconosciuto il credito di imposta?

Alle strutture ricettive esistenti alla data del 1° gennaio 2012, è riconosciuto un credito d’imposta del 30% – per il periodo d’imposta in corso e i due successivi – fino a un massimo di 200 mila euro, relativo alle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia ed eliminazione delle barriere architettoniche.

Una quota del credito d’imposta per la ristrutturazione degli alberghi potrà andare a favore delle spese sostenute per l’ammodernamento degli arredi.

Decreto legge 83/2014

Legge 106/2014